martedì 15 dicembre 2015

Brum brum canta il motore

L'accensione del motore è uno dei momenti storici di una costruzione di una barca, per noi, oltre l'emozione c'era anche la paura, avevamo comprato il motore su internet 5 anni fa e per tutto questo tempo è stato in balia delle intemperie, polvere, vernici e tutto quello che si può immaginare.
In verità pensavamo di averlo sciupato o di avere preso un pacco e invece, grazie a Luigi, tecnico Yanmar molto preparato, alla prima botta è partito come un orologino.
Naturalmente prima di metterlo in moto ha lavorato parecchie ore facendo i controlli di rito: controllato l'olio, aperto il gear box (quello era nuovo), controllato il flusso degli iniettori, la ghiera  del gas era bloccata e ha dovuto forzare il movimento diverse volte prima di riprendere, ecc.
Al primo tentativo ... brum brum, musica maestro.
Il motore ha 75 cavalli, è molto affidabile e semplice, niente elettronica, consuma poco e gira che è una meraviglia. Luigi ci ha rassicurati del buono acquisto.
Ha poi controllato l'impianto, la marmitta era troppo alta e abbiamo dovuto cambiare posizione, messo la linea d'asse e goduto goduto goduto.
Insieme al motore si è accesa anche la luce in fondo al tunnel.
La barca attualmente ha la timoneria funzionante, prese a mare istallate, motore e linea d'asse.
Potenzialmente navigante. Brividi.

  

7 commenti:

  1. Ciao!


    complimenti per il progetto! sono anni che anche io sto leggendo e studiando di autocostruzione e penso sia finalmente arrivato il momento...

    una informazione, ho visto dove state costruendo, in pratica è un terreno agricolo con la "capanna" porta attrezzi con acqua e corrente giusto?

    non bisogna fare nessuna segnalazione al comune per la "costruzione" temporanea del tendone?

    mi sto informando anche io ma non oso chiedere in comune...:S

    grezie
    Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La nostra è una serra, non credo servano permessi particolari, altrimenti tutti i "contadini fai da te" sarebbero dei fuorilegge.
      L'acqua serve, il 220 e anche il 380 per le saldatrici (se il tuo progetto ne prevede l'uso)

      Elimina
  2. Che spettacolo... avanti tutta

    RispondiElimina
  3. grazie mille!

    per curiosità winch dove li avete presi? io sto praticamente vedendo tutto della vetus, su nautimarket, magellano store e altri negozi simili...

    grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se ti costrisci la barca o la fai costruire a dei tuoi collaboratori, ti fanno rientrare nella scontistica dei cantieri e ti conviene trattatr direttamente con le case madri: harken, vetus, osculati, ecc. devi avere naturalmente la partita iva.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina